Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

FRANCO BASAGLIA E I MANICOMI POST DUEMILA

franco basagliaNelle scorse settimane si è ricordato il centenario della nascita di Franco Basaglia, autore e riformatore degli Ospedali Psichiatrici, che sono stati centri di detenzione, contenzione, emarginazione. La legge 180 (legge Basaglia) è stata approvata il 13 maggio 1978, recepita all'interno della legge 833 del 23 dicembre che istituisce il Servizio sanitario nazionale. Nella pratica gli OP si sono svuotati solo negli anni novanta. 

Da studente bastava svolgere un breve tirocinio dentro l’OP per accorgersi della follia di quella condizione alienante e disumanizzante. Di terapeutico c’erano i letti di contenzione – sono ancora attuali all’interno dei reparti -; l’elettroshok (invenzione italiana) – pratica ancora attiva - e l’insulinoterapia. L’insulinoterapia (Sakel 1927) è stata introdotta per curare la schizofrenia; consiste nell’iniettare dosi progressivamente crescenti di insulina per ottenere un coma ipoglicemico verso la terza-quarta ora, che viene superato con la somministrazione di glucosio. La durata della terapia è di 5-6 giorni la settimana, per 2-3 mesi, con un rischio costante per il paziente: coma irreversibile, edema polmonare, accesso convulsivo. Solo negli anni cinquanta  si sono introdotte le benzodiazipine.

Il romanzo Cecità di José Saramago per certi versi raffigura quel clima manicomiale. Invece, Mario Tobino, psichiatra, che ha vissuto per trentacinque in due stanzette da direttore nell’OP di Lucca, ha scritto romanzi ambientati dentro il manicomio (Le libere donne di Magliano). È stato l’anti Basaglia, era contrario all’apertura degli OP.

La liberazione delle barriere, dei muri degli OP ha determinato un approccio diverso nel confronto della malattia psichica e della salute mentale. Le nuove generazioni, nate dopo gli anni novanta, non sanno cosa sia un manicomio; anche le nuove generazioni di psichiatri, psicologi faticano a immaginare la condizione della malattia mentale di quei luoghi segregativi. Bisogna esserci stati per comprendere la follia di quella struttura. Però, basta osservare cosa succede all’interno  dei Centri di Permanenza per i Rimpatri (Cpr) per rivedere rispecchiato il manicomio. L’obiettivo di tali centri è garantire un’efficace esecuzione dei provvedimenti di espulsione e respingimento. Sono strutture che fanno rizzare i peli della pelle, sono luoghi di contenzione, degrado umano, dove psicofarmaci dati à gogo rendono quei poveretti degli zombie del nuovo secolo.

Un secondo ricalco dell’OP è quello del carcere (dal latino carcer, recinto). È il luogo in cui sono recluse, per ordine del magistrato o di altre autorità, persone private della libertà personale. In passato, e anche in tempi recenti, la detenzione ha uno spiccato carattere punitivo. Le condizioni all’interno del carcere sono spaventose sia per la qualità di vita e sia per la quantità dei detenuti. Storicamente, in qualsiasi Stato, quando ci sono governance di destra la popolazione carceraria aumenta in modo esponenziale determinando un plus che causa una diminuzione delle condizioni vitali: prevale il dogma della punizione, della espiazione della colpa. Basta passare qualche giorno all’interno di un carcere per accorgersi che cosa significhi contenzione, fisica, psicologica e sociale. È un’esperienza traumatizzante.

Un terzo ricalco dell’OP, con dei distinguo, è quello della Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA) introdotte a metà degli anni novanta. Sono strutture semi ospedaliere a impronta sanitaria, che ospitano per un periodo variabile da poche settimane a un tempo indeterminato. Secondo GNPL National Register, la banca dati realizzata dal Garante nazionale per la geolocalizzazione delle strutture sociosanitarie assistenziali sul territorio italiano, al 2020 le RSA in Italia sono 4.629 (contro le 2.475 nel 2007) e includono sia quelle pubbliche sia quelle convenzionate con il pubblico e le private, di cui 2.651 al Nord, 668 al Centro e 493 al Sud, 817 nelle Isole. In Lombardia le RSA sono 689.

Sono strutture chiuse. La vicenda pandemica del Covid-19 ha reso evidente la fragilità di queste strutture e la vulnerabilità.

... ma tutto passa tutto se ne va/ che sarà che sarà che sarà/ che sarà della mia vita chi lo sa/ so far tutto o forse niente/ da domani si vedrà/ e sarà sarà quel che sarà/ che sarà che sarà che sarà

 

 

 

Pubblicità

 

 

 

LE CONSEGUENZE DI QUANDO LA FAMIGLIA NON È UN NIDO...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://psicoline.it/

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

News Letters

0
condivisioni